Il forum dei professionisti

Il forum dei professionisti e degli aspiranti

per Commercialisti, Consulenti del Lavoro, Avvocati e Revisori, ovvero per tutti gli addetti a fisco, lavoro e diritto
software paghe e contributi (uniemes, f24, dmag)
Oggi è 30 ago 2014, 02:25




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25 nov 2006, 14:05 
Non connesso
Team
Team
Avatar utente

Iscritto il: 18 nov 2006, 16:54
Messaggi: 532
Quindi, se ho ben capito, esiste una possibilità che io, che ho iniziato il tirocinio nel gennaio 2006 appena conseguita la laurea triennale, e che nel frattempo sto prendendo anche la specialistica, finiti i tre anni di tirocinio, nonostante il conseguimento della specialistica, debba fare l'esame per la sezione B solo perchè la possibilità di accoppiare tirocinio e specialistica è una gentile concessione?? :shock:

Mi sembra assurdo!!

Grazie comuqneu per le precisazioni! :D


Top
  Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25 nov 2006, 16:01 
ely83,
lo so che ti sembra assurdo, ma la mia è soltanto un'interpretazione della norma che, ovviamente, può essere errata. A mio avviso bisogna focalizzare l'attenzione sul fatto che i 2 anni di praticantato svolti durante la specialistica vengono riconosciuti, ai fini dell'accesso all'esame di Stato per la sezione A, solo se c'è una convenzio tra Ordine e Università. In questo modo, dopo il conseguimento della specialisica, per accedere all'esame di Stato per la sezione A, occore un ulteriore anno di tirocinio per terminare il triennio.
Un dottore commercialista


Top
   
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25 nov 2006, 16:27 
Non connesso
Team
Team
Avatar utente

Iscritto il: 18 nov 2006, 16:54
Messaggi: 532
Mi informarò presso l'ordine per avere qualche informazione in + in merito, sperando sappiano qualcosa di certo.
Quanta confusione che c'è comunque!!

Grazie mille, dottore e...spero... futuro collega! :wink:


Top
  Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25 nov 2006, 17:48 
ely83,
fai bene ad informarti presso l'Ordine di appartenza, anche se, come giustamente hai detto, c'è veramente molta confusione in giro.

A mio modesto avviso era meglio se non venivano create 2 sezioni all'interno dell'albo ma restava una sola sezione - questo per sottolineare l'unicità della professione di dottore commercailista - alla quale si accedeva con la laurea specialistica e 2 anni di tirocinio post lauream. In questo modo, prevedendo un anno di tirocinio in meno per i laureati in possesso di specialistica, si uniformava l'iter per l'accesso alla professione rispetto ai laureati quadriennali, nel senso che per fare il dottore commercialista erano necessari sempre 7 anni, e soprattutto non si creava confusione.

Comunque, ti faccio un grosso in bocca al lupo per il tuo futuro professionale.

Un dottore commercialista


Top
   
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25 nov 2006, 20:01 
Ciao!Sono una studentessa di economia e commercio vecchio ordinamento.Sono arrivata alla fine,devo discutere la tesi,ma non so cosa mi aspetta dopo!!!Volevo chiedere:x quanti anni dovrò fare praticantato?Ma bisogna iniziare dopo la laurea,nel senso..le firme il commercialista me le può mettere solo dopo ke ho conseguito la laurea?
Grazie!Mi farebbe piacere ricevere una e-mail come risposta,questo è il mio indirizzo:angelavalois@libero.it


Top
   
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 25 nov 2006, 20:49 
Non connesso
Team
Team
Avatar utente

Iscritto il: 18 nov 2006, 16:54
Messaggi: 532
Crepi il lupo, dottore!

x Angela: puoi iniziare a lavorare anche subito da un commercialista, ma per l'iscrizione alla sezione praticanti occorre aver conseguito la laurea e solo alla data in cui essi avranno accettato la tua domanda inizierà effettivamente il tuo periodo di tirocinio.


Top
  Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: scusate
MessaggioInviato: 27 nov 2006, 10:11 
Scusate io non so voi , ma per me ogni giorno è una fatica immane. Fare 8 ore di tirocinio in un ambito non ben regolato e definito non fa altro che aumentare preoccupazioni a preoccupazioni.
Io per il 31/12/2007 dovrei essermi laureata specialistica ( spero visto che sono 6 mesi che devo far tesi e ho fatto 2 paragrafi perchè non ho tempo). Sono spaventata da queste cose che dite perchè se io vado al mio ordine non sanno nulla, anzi spesso sono io che riporto a loro, e questo non mi rincuora molto. Secondo a e b: sanno bene come dividere i futuri professionisti, ma per gli anziani, cioè chi già opera.......da quello che si dice nell'ambiente alla fin fine andranno quasi tutti in A. Chi istituzionalmente dovrebbe stare in B ha da sempre svolto compiti che d'ora in poi saranno relegati alla sezione A e quindi confluiranno in A. Insomma, a volte mi chiedo proprio che fine faremo....
Ipotizziamo la seconda interpretazione....visto che siamo in parecchi a fare tiroc e specialistica....ci stanno prendendo in giro.....o cosa....se così fosse facciamo i 3 anni facciamo esame sezione b e poi...facciamo un ulteriore tirocinio ed esame per la sezione A?...? A questo punto se così fosse molti di noi non avrebbero scelto di intraprendere il tirocinio ora....Quindi ci stanno prendendo in giro divulgando informazioni sbagliate o questa è un'interpretazione non auspicata dalla maggior parte degli ordini. Insomma vedo che siamo di diverse zone d'Italia e abbiamo tutti lo stesso percorso . Presuppongo quindi abbiamo ricevuto tutti ugual informazione. Inltre, nessuno di noi è certo di queste convenzioni univ-ordine.
Insomma in parole povere, non so voi altri praticanti ma io a volte sono veramente alla disperazione, nessuno sa nulla, nessuno indica un percorso certo. Immagino che anche voi come me avete investito molto per fare questa esperienza.

Due anni fa da noi la presidentessa dell'ordine aveva dato un 'interpretazione sua: fai tirocinio se nel frattempo prendi la specialistica ciò ha effetto retroattivo ed eleva il tirocinio ad idoneo per tirocinio specialistica e quindi per l'accesso sezione A.

Piuttosto , vorrei sapere se anche voi avete letto da qualche parte che se università e ordine per il tramite di convenzione istituiscono corsi ad hoc, frequentandoli e superandoli sarebbe possibile una limitazione delle materie d'esame....vi risulta???


Scusate il mio sfogo, ma a volte veramente non so nemmeno a che porta bussare per avere informazioni certe....


Top
   
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 27 nov 2006, 10:18 
Non connesso
Team
Team
Avatar utente

Iscritto il: 18 nov 2006, 16:54
Messaggi: 532
rklltt hai tutta la mia solidarietà!
è così purtroppo. coglierò l'occasione, dovendo recarmi presso l'ordine per il timbro semestrale del libretto del tirocinio, per chiedere chiarimenti nella speranza che qualcuno possa darmeli.
E' naturale che mai nessuno avrebbe scelto di studiare e fare il praticantato contemporaneamente (che appunto è una fatica bestiale!) se le cose fossero state chiare fin dall'inizio.
Speriamo comunque che la cosa si risolva a nostro favore, perchè se così non fosse, siamo in tanti e sarebbe anche arrivato il momento di farci sentire per questo e per mille altre cose (una per tutte: lavoriamo praticamente gratis!!).


Top
  Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 27 nov 2006, 21:43 
Non connesso
Abituale
Abituale

Iscritto il: 19 gen 2006, 17:27
Messaggi: 38
A MIO PARERE CHI SI ISCRIVE ORA COME PRATICANTE RAGIONIERE COMMERCIALISTICA O PRATICANTE DOTTORE COMMERCIALISTA ED IN POSSESSO DELLA LAUREA TRIENNALE CLASSE 17 O 28 E CONSEGUIRà UNA LAUREA SPECIALISTICA CLASSE 64S OD 84S FARà L'ESAME PER LA SEZIONE A PERCHè CIO' DOVRA' REGOLAMENTARLO IL MINISTRO DELL'ISRUZIONE CON PROPRIO REGOLAMENTO (VEDI ART.42 D.LGS).
ACCETTO PARERI CONCORDANTI O DISCORDANTI IN MERITO


Top
  Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 30 dic 2006, 19:33 
Non connesso
Affezionato
Affezionato

Iscritto il: 30 nov 2006, 20:37
Messaggi: 105
Località: lecce
chi sa dirmi ogni quanto tempo ti chiama l'Ordine per fare il colloquio?


Top
  Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: colloquio
MessaggioInviato: 01 gen 2007, 18:30 
credo dipenda dagli ordini dal loro regolamento interno ...da noi una volta l'anno...ciao


Top
   
 
 Oggetto del messaggio: dott,
MessaggioInviato: 26 gen 2007, 12:59 
Posso dire la mia:

1) l'albo unico sara formato da due sezioni Albo A (dott. commercialisti) Albo B(esperti contabili)

2) una volta finita la triennale te puo gia fare il tirocinio della durata di tre anni
2.1) se fai solo il tirocinio alla fine dei tre anni potrai dara l'esame solo per esperto contabile)
2.2) se fai il tirocinio e svolgi in contemporanera l'esame la specialistica alla fine dei tre anni potrai dare l'esame da dottore commercialista

Ora i mio dubbi consistono in questo.

1)Posso essere "esperto contabile" e al copntempo revisore, oppuer per essere revisore devo esere dott. commercialista?

2) La differenza sostanziale fra esperto contabile e dottore commercailista risiede nel fatto che l'esperto contabile non puo avere rapporti con societa di capitali e che non puo certificare bilanci.

Vorrei che qualche dottore commercailista, per eliminare i miei dubbi, mi rispondesse su mailto:economia.fr@libero.it
Vi ringrazio in anticipo


Top
   
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 10 feb 2007, 12:13 
DOPO LA SPECIALISTICA DEVI FARE UN'ALTRO ANNO PRESSO UN DOTT. COMM.
MI SPIEGO. ATTUALMENTE STAI FACENDO PRATICA PER ESPERTO CONTABILE PERCHE' HAI LA TRIENNALE. NON FA NIENTE CHE LA FAI PRESSO UN DOTT. COMM, AL TERMINE DEI TRE ANNI SARAI ESPERTO CONTABILE, POI TI CI VORRA' UN'ALTRO ANNO PRESSO UN DOTT. COMM PER LA SEZ A, FORSE SE FINISCI ENTRO I TRE ANNI DI PRATICA LA SPECIALISTICA PUOI SOSTENERE L'ESAME DI STATO PER LA SEZ B CON QUALCHE SCONTO IN TERMINI DI PROVE..MA TI RIMANE SEMBRE UN ANNO ANCORA DI PRATICA PER LA SEZ A CHE DOVREBBE AVVENIRE AUTOMATICAMENTE? (QUESTO NON LO SO).
CIAO 8)


Top
   
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 14 mag 2007, 17:34 
salve,
sono uno studente di Economia Aziendale, nuovo ordinamento, al secondo anno di studi, che al momento per motivi economici e di futura professione sono impiegato in un Centro Elaborazione Dati.

Vorrei togliermi i seguenti dubbi, nonostante abbia letto le vostre esaurienti risposte:


1- Al momento, non avendo intenzione di conseguire la Laurea Specialistica, quando avrò la Laurea Triennale e farò il tirocinio, al massimo arriverò al Titolo di Esperto contabile.
Giusto?

2- quali sono le differenze sostanziali tra Dott.Commercialista ed Esperto Contabile?

Vi ringrazio.
E d'ora in poi, visto che vi ho scoperto oggi, vi seguirò più spesso :wink:


Top
   
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 18 mag 2007, 00:38 
Non connesso
Affezionato
Affezionato

Iscritto il: 30 nov 2006, 20:37
Messaggi: 105
Località: lecce
guarda la differenza fondamentale sta nei rapporti con le società. se non sbaglio l'esperto contabile non puo avere rapporti con società d capitali.
cmq chiedi all' ordine di appartenenza, te lo dovrebbero dire.


Top
  Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Valid HTML 4.01 Transitional Valid Css
Copyright 2013 ReteProfessionisti.it
[ Time : 0.149s | 16 Queries | GZIP : Off ]