Borse euforiche, da Draghi e Trump doppio segnale di fiducia

0
167

Chiusura in forte rialzo per le Borse europee spinte dal numero uno della Banca centrale europea, Mario Draghi, che ha aperto alla possibilità di nuovi stimoli monetari a sostegno dell’economia. Anche l’euro si è subito indebolito nei confronti del dollaro, portandosi a quota 1,1191 (da 1,122 dollari di ieri in chiusura). A dare brio ai mercati ha contribuito anche il presidente americano, Donald Trump, che ha preannunciato un incontro con l’omologo cinese, Xi Jiping, durante il prossimo G20 mentre è stato ininfluente per i mercati il botta e risposta tra i due leader. Sullo sfondo rimane anche l’attesa per le indicazioni che domani darà la Federal Reserve, al termine della due giorni di riunione del Fomc, il braccio operativo dell’istituto centrale Usa. Milano ha terminato le contrattazioni in progresso del 2,46% (recuperando i livelli dello scorso 7 maggio), mentre lo spread scivolato a 243 punti.
Fonte:Il sole 24 ore
Leggi l’articolo

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here