Ministero del Lavoro: libere professioniste e calcolo dell’indennità di maternità

0
38

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con l’interpello n. 7 del 13 dicembre 2018 ha fornito una risposta ai chiarimenti richiesti dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri circa l’interpretazione dell’art. 70, comma 2, del D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151. (Testo Unico in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità). Tale articolo, come noto, riconosce alle lavoratrici libere professioniste iscritte a un ente che gestisce forme obbligatorie di previdenza un’indennità di maternità “in misura pari all’ 80 per cento di cinque dodicesimi del solo reddito professionale percepito e denunciato ai fini fiscali come reddito da lavoro autonomo”.

I chiarimenti richiesti dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri ruotano intorno al concetto di “reddito professionale”. Nello specifico viene chiesto al Ministero quale reddito deve essere preso in considerazione ai fini del calcolo dell’indennità di maternità nell’ipotesi in cui la lavoratrice libera professionista, dopo aver svolto continuativamente un’attività lavorativa (o aver conseguito un titolo di studio) all’estero decida di fare rientro in Italia.
Fonte: 7grammiLavoro.it
Leggi l’articolo

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here