Ecco le misure: ticket su ricette, tassa su pensioni d’oro

0
375

TAGLIO A TUTTE AGEVOLAZIONI, ANCHE FAMIGLIE – Il taglio alle agevolazioni fiscali sara’ indistinto. Cioe’ riguardera’ tutte le 483 voci di agevolazione attualmente previste. Il taglio sara’ lineare e sara’ del 5% nel 2013 e del 20% a partire dal 2014. Riguardera’, tra l’altro, i figli a carico, le spese per la sanita’, i redditi da lavoro dipendente, gli asili, gli studenti universitari. Questo anche se – spiega il relatore Gilberto Pichetto Fratin – ”il governo con successivi decreti potra’ decidere di escludere alcune categorie”.

TICKET DA SUBITO: Ticket di 10 euro sulle ricette mediche e di 25 euro per gli interventi del pronto soccorso in codice bianco arriveranno dall’entrata in vigore della manovra, quindi gia’ da lunedi’.

SCATTA TAGLIO AGEVOLAZIONI: E’ il ”rinforzo” della manovra: sara’ tra il 5 e 20 per cento. Attesi 4 miliardi per il 2013 e 20 miliardi di euro annui a decorrere dal 2014. Il taglio non sara’ attuato solo se entro settembre 2013 il Governo esercitera’ la delega per la riforma fiscale.

INDICIZZAZIONE PENSIONI: Sale dal 45 al 70% l’indice di indicizzazione delle pensioni medie, ammontanti a circa il triplo degli assegni minimi. Confermato la piena indicizzazione per quelle inferiori a quella soglia e l’azzeramento per quelle superiori a cinque volte il minimo.

PENSIONI, AGGANCIO AL 2013: Si anticipa al primo gennaio 2013 l’aggancio delle pensioni all’aspettativa di vita. Dal 2013 dunque l’incremento sara’ di 3 mesi.

PENSIONI ANZIANITA’: I lavoratori che matureranno i requisiti per la pensione di anzianita’ nel 2012 dovranno posticipare di un mese il loro collocamento a riposo.

PRELIEVO 5-10% SU PENSIONI D’ORO: Contributo di solidarieta’ fino al 2014 per le cosiddette pensioni d’oro, cioe’ superiori ai 90 mila euro annui. Il contributo ammonta al 5% per la parte eccedente i 90.000 euro, e del 10% per la parte eccedente i 150.000 euro.

DA 2013 PRIVATIZZIAMO: Scatta dal 2013 il programma per la dismissione di partecipazioni azionarie dello Stato e di enti pubblici non territoriali. Il governo inoltre formulera’ alle categorie interessate proposte di riforma in materia di liberalizzazioni delle attivita’ economiche. Ma se cosi’ non fosse, trascorsi 8 mesi dalla data di entrata in vigore della manovra, ”cio’ che non sara’ espressamente regolamentato sara’ libero”

CAMBIA IMPOSTA DOSSIER TITOLI: Cambia l’imposta di bollo sul dossier titoli: sara’ di 34,20 euro per i depositi sotto i 50.000. Poi viene dettagliata in modo diverso negli anni successivi.

COMUNI VIRTUOSI, SI CAMBIA: Cambiano i criteri di virtuosita’ dei comuni per l’applicazione del patto di stabilita’ interno. Ci sara’ la ”convergenza tra spesa storica e costi e fabbisogni standard”. I Comuni dovranno associarsi.

STOCK OPTION: L’aliquota del 10% si applichera’ a tutta la perte eccedente la parte fissa della retribuzione.

AMMORTAMENTO A 2%: La quota di ammortamento finanziario deducibile non puo’ essere superiore al 2% del valore dei beni in concessione. Questo norme non si applicano ai concessionari di autostrate e trafori, per quest’ultimi l’intervento cambia e la percentuale di deducibilita’ delle quote del fondo di ripristino scende dal 5 all’1%.

ACCISE BENZINA: Gli aumenti delle aliquote delle accise disposte il 28 giugno 2011 ”restano confermate a decorrere dal primo gennaio 2012”.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here